INTERVIEW: Wello

il
Nome: Marco
In arte: Wello
Cognome: Vergata
Età: 23
Nazionalità: Italiana
Brani pubblicati: Spicco il volo, Posso/Future, Macchina da guerra ft. Laioung, Branco Prod. Garelli, Super Trapper RMX, Soldi ft. Laioung
Periodo di attività: 3 anni pubblici
Genere musicale: Sconosciuto
Piattaforme: Youtube: Wello Zeta, Spotify: Wello Zeta, Pagina Facebook: Wello Zeta

Chi è Wello?

Mi chiamo Marco Vergata, vengo da Milano e ho 23 anni.

Il mio nome d’arte proviene da una buffa situazione, o meglio da un difetto, che per ora non voglio svelare poiché lo renderò pubblico con le mie prossime canzoni. Posso dirvi solo che è nato da un errore fatto col T9 all’età di 14 anni.

Come, quando e perché ti sei avvicinato al mondo della produzione musicale?

Da sempre sono stato appassionato alla musica, sin da piccolo per le influenze cantautoriali dei miei genitori, sino a quelle di mio fratello con il Rap.

Diverse spiacevoli situazioni adolescenziali mi hanno portato a chiudermi in me stesso e a capire, col tempo, che riuscivo ad esprimermi molto meglio scrivendo che parlando.

Il salto dalla testa alla musica è stato del tutto naturale.

Quali artisti, più degli altri, ti hanno influenzato e c’è qualcuno in particolare a cui ti ispiri?

Tra gli artisti che mi hanno ispirato sicuramente Eminem ha giocato per me un ruolo fondamentale nei primi anni di avvicinamento al rap.

Ci sono state le altre varie scoperte italiane, tipo : Fibra, Joe Cassano, Neffa, Fritz da Cat, ecc.

Fino ad evolvermi pian piano ad una visione molto più eclettica. Parlo di: The Doors, Jhonny Cash, Micheal Jackson, Celentano, De Andrè, Frank Sinatra, ecc.

Cos’è per te la musica? Con la tua musica, di cosa ti fai portavoce?

La musica per me è emozioni, colori, divertimento, rabbia, gioia …

Sono un semplice ragazzo che cerca di esprimersi attraverso il suono, le melodie, la scelta delle parole. Questa fase è per me è di vitale importanza.

Sono portavoce di chi vuole cambiare la propria vita.

Dalla scrittura dei testi alle basi, chi si occupa di queste fasi e come avvengono?

I testi li scrivo tutti da solo, ovunque. Di solito a casa, in giro, ultimamente in studio.

Per le basi invece mi affido spesso al mio socio Garelli, che conosco ormai da 7 anni, ci siamo accompagnati a vicenda in questo percorso.

Non solo lui comunque, ovunque trovi qualcosa che mi attira scrivo.

Dove si possono trovare i tuoi pezzi?

Potete trovare i miei brani principalmente su YouTube dove ho rimosso molti dei vecchi lavori. E poi su Spotify, dove da ora in poi potrete trovare già due singoli presenti.

Chi ti sostiene in questo percorso?

In questo percorso mi sostengono molto i miei amici, ma un ruolo fondamentale lo ricopro io stesso.

C’è qualcosa che vorresti dire ai nostri lettori?

Ai lettori di Siloud voglio dire: credete in voi stessi perché nessun altro lo farà meglio di voi.

Wello per Siloud

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...