Chiamami col tuo nome, André Aciman

FelisciaAbbiamo conosciuto Feliscia quasi per caso e di lei ci ha subito colpito l’allegria e la gentilezza, tutte doti che traspaiono dai suoi articoli. Ama i libri, scrive, ma non è la sua unica passione.
Speriamo che anche voi restiate affascinati dalla sua scrittura e soprattutto che vi fidiate dei suoi consigli!

Oggi Feliscia ci racconterà qualcosa di noi, godetevi il suo articolo!

Chiamami col tuo nome, André Aciman

Dopo essermi innamorata del film, in questi giorni ho finito di leggere il libro Chiamami col tuo nome e oggi voglio assolutamente parlarvene!

Chiamami col tuo nome è un libro dello scrittore statunitense André Aciman, uscito per la prima volta nel 2007. In questi ultimi mesi è tornato a far parlare di sé in seguito all’uscita del film omonimo, canditato a ben quattro premi Oscar.

Vent’anni fa, un’estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno “l’ospite dell’estate, l’ennesima scocciatura”: uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all’estasi. “Chiamami col tuo nome” è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che “questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta”.

Elio è un ragazzo diciassettenne che ama la musica e la lettura, e trascorre le estati nella villa di famiglia nella Riviera ligure. Le sue tranquille giornate vengono però movimentate dall’arrivo di Oliver, uno studente statunitense di ventiquattro anni ospite del padre di Elio, professore universitario. Oliver passa l’estate alla villa per lavorare sulla sua tesi post dottorato, ma tra passeggiate e nuotate con l’adolescente Elio tra i due inizia a crescere un sentimento.

Scrivere la recensione di un libro che mi è piaciuto mi mette sempre in difficoltà. Come descrivere a parole le sensazioni che un romanzo lascia sulla pelle? Non è facile, men che meno in questo caso, ma voglio provare a farlo perché Chiamami col tuo nome non merita un commento scritto distrattamente, ma molto di più. Se la storia di Elio e Oliver mi aveva fatta emozionare sullo schermo, il libro è riuscito a confermare e far evolvere questa sensazione, ma vediamo nel dettaglio perché.

Scrivendo di amore si può incorrere nel rischio di cadere nel banale, soprattutto se la storia che lo scrittore vuole raccontare non ha una trama ben definita. Lo stile di scrittura in questo caso è determinante nel tenere alto l’interesse del lettore. André Aciman è riuscito bene nell’intento.

La vicenda è raccontata dal punto di vista di Elio e pagina dopo pagina si viene inghiottiti nel suo mondo, dalla scoperta del sesso al crescente sentimento per Oliver. Il suo mondo è fatto di sogni, fantasie, ma anche paranoie e paure. Di Oliver sappiamo invece poco o niente, almeno finché i due universi non entrano in collisione.

“Facevamo finta di niente. Parlavamo di tutto fuorché di quello. Ma l’abbiamo sempre saputo, e che adesso non dicessimo nulla era un’ulteriore conferma. Avevamo trovato le stelle, tu e io. E questo capita una volta sola nella vita.”

Da una parte, se per il film avevo da spendere solo parole positive, con il libro ho ricevuto qualche delusione. Quando ho iniziato la lettura ero già “innamorata” dell’Elio e Oliver cinematografici, ritrovandoli fin da subito nel libro. Ma non posso fare a meno di chiedermi: Se avessi visto il film in un secondo momento, avrei provato le stesse sensazioni?

Un altro aspetto che non mi ha fatta impazzire è stata la lunga parentesi romana, nella quale secondo me si disperde l’atmosfera creata dalla scrittore fino a quel momento. Cosa che invece non accade nel film, che si mantiene sulla stessa linea per tutta la durata della pellicola.

Ho concluso la lettura con un vuoto nel petto e la consapevolezza che la storia di Elio e Oliver è giunta alla fine, almeno sulla carta. Non mi resta che sperare nel sequel di Luca Guadagnino, perché non sono pronta a dire addio a Elio e Oliver. Non ancora.

Il mio voto per questo romanzo è di 4 su 5.

Potete acquistare il romanzo su amazon al prezzo di 14,45€.

Non ho voluto scrivere il finale per non rovinarvi il piacere della lettura ma se volete un post con le differenze tra libro e film fatemi sapere nei commenti! E voi avete letto Chiamami col tuo nome?

Feliscia, Il lettore curioso

Link: https://illettorecurioso.com/2018/03/03/chiamami-con-tuo-nome-%E2%88%BC-la-recensione-del-libro/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...