InTheMusic: Secch, interview

Nome: Alessio
Cognome: Lattanzi
In arte: Secch
Età: 21
Città: Lubriano
Nazionalità: Italiana
Brani pubblicati: 2
Album pubblicati: 2 Mixtape e 1 Ep
Periodo di attività: dal 2013
Genere musicale: Rap/Trap
Piattaforme: YouTube, Spotify, iTunes

Chi è Secch?

Il mio nome è Alessio Lattanzi e ho 21 anni. Sono di Lubriano, un piccolo paese in provincia di Viterbo, e lavoro come apprendista per un idraulico.

Come nasce il tuo nome d’arte?

Il mio nome d’arte non ha un significato ben preciso, è ispirato da due cose diversissime tra loro. Quando iniziai a fare Rap avevo un altro nome che però non mi rispecchiava per niente. Visto che molti mi chiamavano “secco”, perché effettivamente a quei tempi ero più magro di adesso, pensai che un nome che potesse addirmi era proprio “Secch”, suonava bene e mi rappresenta tutt’ora.

Come hai cominciato a fare musica?

Il Rap l’ho scoperto all’età di dieci anni grazie ad un mio amico musicista che a quei tempi stava in fissa con Noyz Narcos ed il Truceklan. Mi fece ascoltare “Squalo Bianco” e “Verano Zombie Pt.2″, brani di Noyz, ed anche se a quell’età non ci capivo niente dei testi di questo artista, il modo in cui lo faceva e quell’attitudine che aveva mi piacevano tantissimo.

Qualche anno dopo ho iniziato a sentire il Rap sempre più frequentemente grazie ad altri amici della mia comitiva e mi sono innamorato di Marracash, Fabri Fibra e dei Dogo. Il mio pezzo preferito era diventato “Ciao Proprio”, un brano in cui rappavano i Dogo e Marra insieme.

C’è un artista a cui ti ispiri?

Sul mio modo di scrivere e di rappare non ho un isparatore ben preciso, sento moltissima musica e svariati generi, così prendo un po’ e un po’ da tutto e da tutti cercando pur sempre di essere unico, ma migliorando il mio stile.

Sicuramente prendo molta ispirazione dai film, sono abbastanza appassionato di cinema e di doppiaggio. In molti dei miei brani ci sono tante citazioni di film, come per esempio in “Brutal Fiction” che ho voluto mettere per rendere omaggio a quelle pellicole che mi piacciono tanto trovandoci sempre una metafora sulle situazioni di cui scrivo.

Alcuni dei miei artisti preferiti italiani sono Tiziano Ferro, i Negramaro, Vasco Rossi, Caparezza, Marracash, Salmo, Vegas Jones, Emis Killa e Nitro, perché raccontano vere storie nelle proprie canzoni, proprio come se fossero dei film. I miei rappers per eccellenza preferiti sono Eminem (non posso non citarlo!), Tech N9ne, Hopsin e Travis Scott, perché sono alcuni dei pochi che riescono veramente ad ispirarmi.

Come nasce l’ispirazione di un tuo pezzo?

È sempre stata strana la nascita di un mio pezzo. Ci sono volte che scrivo una canzone intera in mezz’ora e altre volte, come mi è capitato recentemente con l’ultimo brano a cui stiamo lavorando, che ci ho messo 3 mesi, scrivendo più di 8 strofe su quella base non convinto mai del risultato (per fortuna ce l’ho fatta!).

Una storia simpatica riguardante l’ultimo singolo che stiamo per far uscire è che l’ho scritto quasi tutto mentre aspettavo la macchina di Santa Rosa a Viterbo con mio padre: stavamo aspettando dietro le transenne nel posto in cui fa la penultima tappa ed ho scritto “Hellraiser” che uscirà verso Dicembre su tutti gli stores digitali.

Chi partecipa alla produzione di un tuo brano e come sono divisi i compiti tra di voi?

Nei miei pezzi c’è sempre stato lo zampino di Giordano Fioco, della GF Audioarea, che mi ha aiutato moltissimo con i lavori precedenti e sul nuovo mixtape che farò uscire ad inizi 2019. Ultimamente ci sono Py e Mp Big che mi danno un sacco di consigli in studio e fanno suonare il tutto più innovativo.

Brutal Fiction è una panoramica della vita, analizzata sotto vari aspetti: ci racconti i retroscena di questo pezzo? In che modo si differenza da Worly Daily?

Brutal Fiction è un brano che non riescono a comprendere tutti. Nonostante le punchlines ed il modo in cui l’ho rappata, parla di un sacco di situazioni che ho vissuto poco tempo fa. Il ritornello è orecchiabile, ma ha un senso logico anche quello: praticamente spiega che la mia vita, come quella di molta altra gente, è come una fiction, perché è sempre piena di colpi di scena e non si sa mai come possano andare avanti le cose. Il pezzo che fa “Se non ti piace cambia canale” significa che se quello che faccio non lo approvi e non ti piace, sei libero di non interessarti a ciò che faccio, che si ricollega al pezzo che fa “So che hai visto il trailer” che spiega il modo in cui la gente sa tutto di te tramite le storie di instagram, le voci che girano ed i social in generale.

Worly Daily è un pezzo molto più introspettivo, che ho scritto in un periodo un po’ brutto. Praticamente metto a nudo i miei problemi, le miei ansie e paranoie trasmettendo all’ascoltatore che anche se tutto va male prima o poi tutto passerà mettendocela tutta e non facendosi buttare giù inutilmente.

 Stai lavorando a qualcosa di nuovo?

A dicembre uscirà “Hellraiser” su tutti i digital stores ed è stato prodotto da PY. Agli inizi del 2019 uscirà il mio terzo mixtape, ovvero “Poeta Infernale Vol.3”.

In Worly Daily dici di voler sfiorare il cielo: in che modo pensi di riuscirci?

Con “sfiorare il cielo” intendo dire che voglio arrivare alla cima più alta, contando soltanto sulle mie forze e su quello che sto portando avanti da tempo, ovvero la mia musica.

C’è qualcosa che vorresti dire ai nostri lettori?

“Sfiorare il cielo” di Worly Daily si riferisce anche alle persone che hanno altri sogni oltre la musica: non bisogna mai mollare, perché prima o poi, se si crede davvero e fortemente in quello che piace fare e che si vuole fare, si riuscirà a raggiungere la metà tanto desiderata.

Secch for Siloud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...