InTheMusic: Disegnerei, Saint Pablo feat. Bipuntato

Disegnerei”, il nuovo singolo di Saint Pablo e Bipuntato, ha due facce tutte da vivere.

Un brano a due facce, che cela una forte malinconia disegnata alle spalle di un mood estivo e accattivante. “Disegnerei” è il nuovo singolo di Saint Pablo, uscito mercoledì 8 Luglio per OSA Lab e che vede l’artista per la prima volta accompagnato da una voce femminile. È Bipuntato l’altra penna e questa scelta conferma il percorso di crescita del giovane artista verso uno stile sempre più Pop-R&B.

Disegnerei – racconta Saint Pablo – ha una duplice visione: è un pezzo estivo, perché disegnerei un’estate decisamente diversa da quella che stiamo vivendo, utilizzando qualunque strumento per darle una forma definita. Invece, se dovessi descrivere l’altra faccia della medaglia, disegnerei una situazione malinconica, che delinea la fine di una storia in cui una delle due parti possa ripercorrere gli errori fatti e possa utilizzare questi errori per disegnare un altro finale”. Due facce per due penne.
Bipuntato racconta così questo brano: “Disegnerei è la somma degli attimi perduti. È stata scritta tra Talenti e piazza Sempione, in un giugno decisamente particolare. È per chi sente il peso dei propri errori, quando ci si chiede chi avesse ragione e chi no. Decidere di partire con l’idea di non tornare, fare un giro assurdo per incollare i pezzi e sperare che dicano qualcosa di diverso”.

Una collaborazione, quella tra Saint Pablo e Bipuntato, che l’autore di Un Soffio Di Città ricorda essere nata da “una forte stima artistica e personale. Io e Beatrice ci siamo conosciuti un anno fa e la sinergia nata dalla stima per i reciproci lavori ci ha portato a voler unire le nostre penne. Volendo dare questo tipo di mood ad un mio brano, ho pensato subito a lei”.

Disegnerei è un singolo che poggia su una produzione la cui gestazione non è stata semplice. “La produzione del brano – racconta Saint Pablo – è stata più complessa: il brano è nato in quarantena, in un momento molto grigio per tutti. Quando io e Beatrice abbiamo scritto il pezzo, ci siamo visti a casa mia per due giorni di fila, registrandolo proprio in soggiorno in pieno stile lo-fi, inviando ovviamente poi tutto a Madd3e per ultimarlo a dovere”.

L’ultimo singolo di Saint Pablo prima di questa calda estate è finalmente fuori e ognuno può disegnarci sopra la propria storia.

Foto di Dopoesco

Era da tempo che tutti si aspettavano una voce femminile accostata a quella di Saint Pablo… ed eccoci qui! Come nasce “Disegnerei”?

Anche io non vedevo l’ora di duettare con una voce femminile! “Disegnerei” è un brano con il quale ho voluto affermare ancora di più il genere al quale vorrei accostarmi. Il sound elettronico, molto deep house, le linee vocali che si alternano tra ritmato e melodico, fanno parte di un percorso molto chiaro: l’approdo al nuovo R&B.

Bipuntato è stata la scelta migliore che potessi fare. Si avverte una forte sintonia e questo è sicuramente un punto a vostro favore. Perché hai voluto Beatrice in questo brano?

Conosco Bea da qualche anno e c’è sempre stata sintonia e stima sia in termini artistici che personali. Qualche tempo fa stavamo parlando di musica e abbiamo pensato: “sarebbe fico fare una session in studio insieme e vedere cosa esce fuori”. Quando ho pensato al concept del brano, al suo insieme, sentivo la necessità di condividerla con qualcuno e Beatrice è stata la prima persona alla quale ho pensato. Siamo molto affini sia nei gusti musicali che nel genere che stiamo portando avanti e il risultato ne è la dimostrazione: le nostre voci si legano alla perfezione.

“Disegnerei” è nata in questi ultimi mesi e ha una duplice visione: un pezzo estivo ma allo stesso tempo una situazione malinconica. Quali sono, più nel dettaglio, questi due lati della stessa medaglia?

Il brano, sia per sound che per melodia, richiama molto ad un mood estivo e il fatto che esca in questo periodo non è un caso: questa che è appena iniziata sarà un’estate completamente diversa dalle altre, strana e assurda per certi versi; abbiamo pensato che sarebbe bello che ognuno di noi non la immaginasse come meglio crede, ma la disegnasse. La vena malinconia, invece, è sempre presente nei miei brani e anche in questo si sente. “Disegnerei” non è solo l’insieme degli errori commessi, dei treni passati e persi, delle frasi non dette, dei gesti rimasti incompiuti: è soprattutto la capacità di utilizzare questo insieme per disegnare un universo differente, “con gli sbagli che ho fatto” e con tutti i colori del mondo.

Essendo nato in un periodo molto delicato, la produzione del brano non è stata affatto semplice. Tutto questo da fuori non si vede, anche perché il risultato è davvero fenomenale. Come avete scelto il sound (e quindi il mood) di Disegnerei?

“Disegnerei” è nata in pieno lockdown. Io e Madd3e, il mio fenomenale produttore, tramite videochiamata, ci siamo messi a lavorare a questa base. Abbiamo tirato fuori lo scheletro del beat dopo ore di lavoro, tra risate, battute, accordi suonati e idee assurde. Ho mandato subito il beat a Beatrice e abbiamo iniziato a strutturare il brano. Ci siamo sentiti in videocall a tre un paio di volte per lavorare in sinergia alla parte strumentale, cercando di allinearci anche sui suoni che volevamo all’interno. Volevamo che il pezzo avesse un mood elegante, che fosse un abito da sera, e così anche la scelta degli strumenti è stata condizionata da ciò.

Siamo davvero rimasti colpiti da questo accostamento Saint Pablo – Bipuntato. Guardandoti indietro, cosa ti è piaciuto di più del lavorare con lei? Vi vedremo ancora collaborare nel futuro?

Tutto! Ci siamo divertiti tantissimo e spero si senta nel brano. Abbiamo lavorato prima a distanza, poi ci siamo visti a casa mia dove, in questa quarantena, ho creato una postazione studio molto spartana con microfono, PC e strumenti. In due giorni abbiamo scritto le parole, le linee melodiche e le armonie del brano e, non appena ci veniva in mente qualcosa di bello, accendevamo il microfono e registravamo. Abbiamo registrato il singolo con il mio microfono dentro un armadio, in pieno stile lo-fi, per evitare che il suono fosse troppo sporco. Ci siamo dovuti reinventare, ma è stato fantastico! È stato bello collaborare con Bea e spero vivamente possiate rivederci insieme in futuro!

A quando il prossimo singolo?

Dopo “Un soffio di città” e “Disegnerei” forse me ne vado in vacanza! Che poi vacanza non è mai! Sicuramente ci rivedremo dopo l’estate. Ho altre novità in cantiere e ci sto lavorando costantemente. Sto definendo e disegnando un cerchio, che potrebbe essere in chiusura a breve o tra un anno. Per il momento ci godiamo tutti insieme l’estate di “Disegnerei”! Bella a tutti, love you!

Saint Pablo ha una voce che non lascia ad interpretazioni: profonda ma fine, raschiante ma elegante. È sicuramente questo il suo segno caratteristico maggiore. Non eravamo, però, mai riusciti ad immaginare una collaborazione al femminile dell’artista di Lamezia Terme. Sapevamo che prima o poi si sarebbe cimentato in questo nuovo esperimento ed eccoci qui: il momento è arrivato e quale migliore artista se non Bipuntato. Hanno fatto davvero un ottimo lavoro, vi conviene andarla ad ascoltare!

Instagram (Saint Pablo): @thetruesaintpablo
Facebook (Saint Pablo): @thetruesaintpablo
Instagram (Bipuntato): @bipuntato
Facebook (Bipuntato): @Bipuntato

Introduzione: Riccardo Zianna
Intervista: Siloud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...